Finalmente Pato!

4 07 2007

pato-346x212.jpg 

Aspettavamo Pato e Pato è stato. E’ arrivato nella seconda gara del suo Brasile ai Mondiali Under 20, dopo aver deluso all’esordio. In ritardo come ogni star che si rispetti, lui che proprio oggi Adriano Galliani, con una risatina piena di sottintesi, ha di fatto indicato come il probabilissimo prossimo colpo del Milan. Sono suoi due dei tre gol che il Brasile ha rifilato alla Corea. Ma chi è l’astro nascente del calcio brasiliano?

Alexandre Rodrigues da Silva viene alla luce il 2 settembre 1989 a Pato Branco. Un luogo, un destino, perché sarà la sua città natale ad ispirare il suo nome di battaglia in campo, che in portoghese vuol dire “papero”. Pato inizia a dare i primi calci al pallone all’età di tre anni, ma solo a 13 compie il salto nel calcio che conta. A notarlo sono gli osservatori dello Sport Club International, che in un provino lo preferiscono ad altri 83 ragazzi. Il debutto arriverà pochi anni più tardi, quando il “Papero” ne avrà appena compiuti 17. E’ il 26 novembre 2006 e l’International affronta in campionato il Palmeiras: Pato mette a segno un gol, colpisce una traversa e realizza tre assist. Il battesimo nel calcio professionistico è al di sopra di ogni più rosea aspettativa.

Quindici giorni dopo l’International è atteso ad una sfida cruciale in Giappone, il mondiale di calcio per club. Per Pato è la grande svolta. Prima di abbracciare la Coppa in finale dopo aver sconfitto il Barcellona, contro l’Al-Ahly va in rete siglando un record degno di un predestinato: all’età di 17 anni e 102 giorni diventa il più giovane marcatore di sempre in una competizione ufficiale Fifa, entrando nel guinness dei primati davanti a Pelé, che nel Mondiale ’58 andò a segno contro il Galles all’età di 17 anni e 239 giorni. I riflettori del mondo si accendono sul giovanissimo talento brasiliano, cresciuto nel mito di Ronaldinho e Cristiano Ronaldo.

I più blasonati club d’Europa iniziano a corteggiarlo, irretiti dal suo calcio-spettacolo che unisce un sopraffino tocco di palla a un’accelerazione micidiale e ad una capacità realizzativa alla Careca. A spuntarla sarà quasi certamente il Milan, intenzionato a cullare in squadra un nuovo Kakà. Alla corte dei rossoneri il “Papero” troverà anche Leonardo e una “cordata” brasiliana che annovera tra i suoi esponenti campioni del calibro di Ronaldo, Cafù, Dida e Serginho. Il Milan potrà contare a sua volta su un giocatore già abituato alla vetta mondiale. Quella che potrebbero conquistare insieme fin dalla prossima stagione.

Graziana Urso

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: